Day 6: Mamma Mia!

Day 6: Mamma Mia!

PA293908003Dopo due giorni di pioggia finalmente è tornato il sole su New York City. Quale momento migliore per scarpinare un po’, quindi?

PA293902002Il nostro itinerario di oggi ci porta prima nell’East Village e poi nel Lower East Side, zone della città in qualche modo simili tra loro: pochi grattacieli e molti palazzi in ghisa e mattoni, e un sacco di negozietti apparentemente insignificanti ma che in realtà nascondono grosse sorprese in quanto ad assortimento e – a volte – anche in quanto ai prezzi praticati, inaspettatamente alti. PA293883001

L’atmosfera è pulsante in queste zone in continuo mutamento, come dimostrano le innumerevoli attività che aprono, chiudono, languono o prosperano. Allo stesso tempo tutti i cantieri e i lavori in corso danno anche un’aria un po’ decante a questi quartieri, soprattutto al Lower East Side che, a differenza dell’East Village, vanta una minore concentrazione di negozietti per così dire “naif”.

A Lower East Side, però, si trovano delle aree verdi tutto sommato rilassanti, un toccasana per gli abitanti della zona, e un mercato al coperto che vende davvero di tutto e vale una visita.

PA293935004Dopo un estenuante camminata arriviamo al Manhattan Bridge, “gemello adottivo” del più famoso ponte di Brooklyn che superiamo per arrivare alla zona dei moli, South Street Seaport, e in particolare al Pier 17.

Il pier 17 offre un centro commerciale, un museo nautico con velieri risalenti ai primi anni del XX secolo e un’ottima vista sui ponti e sul fiume. PA293982005Il museo è chiuso e davvero poco frequentato, e  non c’è molto altro degno di nota in un’area che, un temp0, pare essere stata un notevole centro d’attrazione per turisti.

Coi piedi dolenti insaccati nelle scarpe Maria si risolleva il morale con un po’ di shopping in una boutique Guess che pratica saldi pazzeschi e riesce a portarsi a casa a prezzo irrisorio un bel giubbottino spelucchioso.

Prima, però, proviamo una tappa allo sportello TKTS di South Street Seaport per tentare la fortuna coi biglietti di Broadway, in uno dei teatri che registrano costantemente il tutto esaurito. Alla fine scegliamo Mamma Mia!, il musical la cui colonna sonora è formata esclusivamente da canzoni degli AbbA, che va in scena al Cadillac Winter Garden vicino Times Square.

Lo spettacolo è all’altezza della fama, effettivamente, e devono pensarla allo stesso modo le signorotte americane sedute davanti a noi che cantano e ballano le canzoni della loro giovinezza, ma bisogna ammettere che anche nello sperduto Friuli gli amanti del musical possono trovare di che stuzzicarsi il palato… E più a buon prezzo!

La curiosità del giorno: a New York i cessi (sì, i cessi) sono pieni d’acqua e mancano sia bidet che spazzolone. Frustrante, vi lascio immaginare le orribili dinamiche di cui si è vittima.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: