Day 8: Halloween bagnato…

Day 8: Halloween bagnato…

PA314260Il cielo plumbeo di oggi, stando alle previsioni, non avrebbe dovuto serbarci sorprese bagnate fino almeno alla tarda serata.

Così è stato, perciò i nostri affaticati piedi oggi sono stati di scena al Greenwich Village (si dice grenich con la “c” dolce, non “grin-uich”, lo ripeto!), sito nella zona ovest di Manhattan.

Rispetto alla controparte orientale il Greenwich si presenta da subito con una veste più chic; anche la poca diffusione dei fast-food, in gran parte sostituiti dai classici diner, pub, cafè e bistrot con tavolini all’aperto, rafforza tale impressione. Non ci sono grattacieli ma soltanto casette e palazzine molto basse di quattro-cinque piani disposte ordinatamente lungo tranquille viuzze alberate nelle quali, al contrario di quasi tutte le altre zone di Manhattan, passano poche auto e il clacson si suona poco. E’ Halloween e quasi tutti i negozi, locali, bar, ristoranti e molte case sono addobbati nei modi più disparati.PA314277Il Village è anche stato ed è tuttora sede di movimenti attivisti per i diritti dei gay, e infatti qui trovano posto diverse associazioni culturali e anche, al Christopher Park, delle statue raffiguranti due coppie gay.

Spostandosi verso ovest si giunge alla zona dei moli, anch’essa totalmente differente rispetto all’equivalente orientale. Un lungomare con pista ciclabile, parchi per bambini e aspetto decisamente rassicurante e lussuoso rendono quest’area ottima per passeggiate in riva al fiume, con la skyline del New Jersey sullo sfondo.PA314265

Durante il tragitto visitiamo il palazzo triangolare che una volta ospitava il Northern Dispensary, una sorta di ospedale che forniva cure gratuite al quale si recava anche Edgar Allan Poe.

PA314329Come ultima tappa teniamo il McNaulty’s Tee and Coffee, un negozietto risalente all’800 che vende una varietà enorme di the e caffè provenienti da tutto il mondo, ormai accerchiato in tutte le direzioni da numerosi  sexy shop, che tuttavia non riescono nell’impresa di guastare il fascino di questa parte di città. Entrare nel McNaulty’s, cubicolo traboccante di vasi di vetro e scatole di latta, è come tuffarsi nel passato e nel presente delle sale da tè delle case signorili del circondario.

PA314316Quasi dimenticavo: tra una via e l’altra abbiamo trovato il Cherry Lane, uno dei primi teatri Off-Broadway, risalente al 1924 e ancora sede di spettacoli. La fila per i biglietti non è paragonabile a quella chilometrica dei teatri di Broadway, ma l’edificio affascina. PA314251Alla sera proviamo ad assistere alla classica parata di Halloween sempre nel Greenwich Village, ma una fitta pioggia rovina le nostre aspettative e quelle di qualche altro migliaio di persone in maschera. Intravediamo qualche parte del corteo fra gli ombrelli, ma la calca e la pioggia mettono prematuramente fine alle nostre velleità. Riusciamo a capire che: 1) uomini, donne e bambini si mettono in maschera per la serata, in una festa che è sentita come e più del nostro carnevale; 2) i vestitini sexy per Halloween vanno fortissimo fra le ragazze di NY, indipentemente dalla loro stazza!

Torniamo così in albergo con la coda – bagnata – fra le gambe. Le previsioni, dopo quest’ultimo giro di pioggia, danno bel tempo fino a sabato; speriamo che sia così!

Nota del giorno: se a New York in superficie la temperatura è rigida (anche se non era il caso della calda giornata di oggi), nel sottosuolo è sempre molto alta. Sarà per questo che i tombini fumano?

3 Replies to “Day 8: Halloween bagnato…”

  1. Ciao signora!!!!Spero che quando leggerai questa mail starai meglio comunque forza immagino che gli sbalzi di temperatura siano impressionanti adesso la pioggia arriverà qua quindi speriamo possiate stare in stato di grazia per il resto della vacanza:) concordo con assorreta Maria è ben cotta!!!! Un bacione grande grande e buon proseguimento!! P.S. se continuo a leggere di spese di abbigliamento potrei avere un tracollo… nn è per caso che questa parte della descrizione è rivolta alla sottoscritta per farla sbavare? carini…..

  2. Maria si riprendette?? Comunque la pioggia ad Halloween proprio non ci voleva..

    Sappi che quando torni fanno le selezioni in friuli per chi vuol essere milionario 🙂

  3. Guardate che sono stato io ad avere avuto qualche problema tecnico, non Maria! 😀
    Comunque era una cosa passeggera, che oggi non ci ha impedito di goderci la giornata. Fortunatamente le previsioni danno bel tempo fino al giorno della nostra partenza, speriamo che sia davvero così!
    Quanto allo shopping, oggi con 130 euro ci siamo portati a casa 4 paia di Levi’s (qui hanno un sacco di paia a lunghezza 36), un paio di All Star Converse e un pacco di calzetti Timberland…

Leave a Reply

%d bloggers like this: