Mare al mattino

Mare al mattino

La copertina

Quasi per errore mi avvicino a quest’ultimo romanzo della Mazzantini, tradito da un acquisto one-click sul mio Kindle nuovo fiammante.
Anche un lettore come me, strenuo difensore della carta stampata e dell’inconfondibile sensazione che trasmette al tatto e all’olfatto, per motivi di comoditá ha deciso di provare l’inchiostro elettronico dell’eBook reader prodotto da Amazon. Leggero, pratico, in grado di archiviare migliaia di libri, dotato di un display che non affatica gli occhi neppure dopo ore di lettura, il Kindle é il perfetto compagno di viaggio per chi salta su e giú da treni e aerei, e non solo. Kindle consente anche di annotare i propri libri, di cercare le definizioni e le traduzioni delle parole, e di non perdere mai il segno. Davvero un oggettino da tenere sempre in tasca.
Durante il viaggio di ritorno verso la Germania, quindi, non é stato difficile terminare Mare al mattino, spietato racconto storico della scrittrice italiana dai natali dublinesi.
Lo stile é asciutto, secco, paratattico; la risultante segmentazione della prosa, talvolta, sembra in conflitto con l’intensa aggettivazione e con l’utilizzo ricorrente di metafore quasi shakespeariane per quantitá e romanticitá. Quasi shakespeariane, per l’appunto.
Sicuramente la scelta stilistica puó aiutare a creare un senso di ansia e sospensione nel lettore, ma la punteggiatura davvero scarna, lo stile colloquiale, i discorsi indiretti e i costrutti mai ricercati non sono riusciti a convincermi fino in fondo sulle doti di prosatrice della Mazzantini.
Ciononostante il tema trattato é di grande attualitá, e la scrittrice non risparmia i dettagli piú crudi dei drammi umani vissuti dagli immigranti italo-africani di tre diverse generazioni.
La risultante é di poco piú di un centinaio di pagine, attraverso le quali é facile correre e lasciarsi coinvolgere, venendo in contatto con nozioni storiche e sociali che ora piú che mai non sono scontate.
Investire un’ora del proprio tempo per la lettura di questo libro potrebbe non essere una scelta sbagliata, in un’epoca di grande incertezza e xenofobici tentativi di autoconservazione.

2 Replies to “Mare al mattino”

  1. Non ho neppure letto i commenti su Amazon, sinceramente. 🙂
    In compenso ho scritto giorni fa una mia mini-recensione su Amazon, che é praticamente questo stesso post, epurato di alcune considerazioni extra-libro.
    Forse hai letto quella, ed ecco spiegato il motivo della tua accusa…
    Sí, lo ammetto: ho copiato me stesso, mettendo su Amazon un post del mio blog!
    Ma, ora che me l’hai fatto notare, sono andato a vedere le altre recensioni su Amazon, e mi dispiace farti notare che la mia é nettamente la piú consistente e non vedo nessun tipo di similitudine con le altre. Guardare per credere.

Leave a Reply

%d bloggers like this: