Trentaseo!

Trentaseo!

Cosa fare la sera di ferragosto quando l’aria è tersa e il cielo sereno?
Cosa può esistere di meglio che partire per l’alta collina con la fidata e adorata Maria al seguito, caricando in auto il 114 Newton che ho nominato Zaphod in onor di Beeblebrox?
Trovato uno spiazzo con vista mozzafiato sulla pianura a sud, e dolci colline e fitti boschi tutt’intorno, abbiamo scaricato montatura e tubo e, dopo rapida e sommaria messa in stazione, iniziato ad orientarci in cielo.
La volta era inevitabilmente illuminata nella direzione delle città, ma non così tanto da infastidire le osservazioni.
Lo spettacolo della Via Lattea a occhio nudo, mozzafiato, ci ha rapiti per parecchi minuti prima che iniziassimo a brandeggiare il tubo per inquadrare qualche oggetto celeste.
Mentre strani animali producevano altrettanto strani versi a pochi metri da noi nel buio più totale, l’aria umida si faceva pungente e la stanchezza iniziava ad appesantire le nostre palpebre.
Per questi motivi la sessione è stata breve ma appagante, e non solo per me.
Maria ha potuto apprezzare M13, M31, Giove nitido e dettagliato come non mai, con le evidenti bande tratteggiate con decisione dai pessimi oculari cromatici di Zaphod.
La ragazza, nonché imminente moglie, ha apprezzato in particolare gli oggetti deep sky, nutrendo tiepido interesse nella danza siderale inscenata ogni notte dalle stelle multiple.
Qualche giro per doppie e, come gran finale, un oggetto che non avevo mai inquadrato nel mio strumento: il famoso doppio ammasso del Perseo.
Trovarlo non è stato difficile, una volta capito dove cercarlo. D’altra parte era già visibile nel binocolo…
Applicando la solita spannometria rapida del tipo “due stelle luminose, una su, due a destra, un’altra coppia, gira a destra e dovresti esserci, a quel punto in caso chiedi informazioni a un passante” ho potuto finalmente ammirare il Doppio nell’oculare.
Incredulo, ho chiesto al mio cervello la conferma: “Sei Perseo?”
“Trentaseo”, mi ha risposto.
Sapevo di non potermi fidare.

4 Replies to “Trentaseo!”

  1. Sebbene il mio lato secchione rabbrividisca per la tua tecnica poooooooooco professionale di star-hopping ;-), mi complimento per i successi recenti!
    Io uscirò questa sera ma, poichè a causa del caldo terribile non faccio una dormita decente da una settimana, ho l'impressione che appena sentirò un po' d'aria fresca di montagna mi addormenterò sul muretto, con tanti saluti a nebulose, ammassi, asteroidi e satelliti.

  2. Eheh, chissenefrega della professionalita', e' il risultato che conta! Spannometria for the win! 😀
    Credo che io stasera staro' tranquillino, mentre sfruttero' domani e venerdi', se il tempo lo permettera'.
    Tant'e' che ho trovato anche dei compari dotati di telescopiettini che mi accompagnerebbero volentieri nelle avventure montane, cosi' da risparmiare la mia impavida compagna di vita. 😀

  3. Ah, non mi pare di aver letto le tue impressioni su: M17, M8, M20…guarda che per queste ultime due il tempo stringe!
    Tra oggi e domani spero di riuscire ad aggiornare il blog!

  4. M8 ed M20 volevo vedermele stasera, M17 non l'avevo neppure cagata! Me misero!
    Stasera se non mi si annuvola il cielo provvedo all'individuazione!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: