Un nuovo fedelissimo

Un nuovo fedelissimo

Kindle

Qualche giorno fa scrivevo, nel post di riepilogo di fine anno, che non avrei permesso a della zavorra di entrare nella mia valigia.

Volentieri, peró, concedo qualche etto al mio nuovo e ormai inseparabile compagno di viaggi. Ero sempre stato scettico riguardo agli eBook reader, ma le recenti festivitá natalizie mi hanno convinto a rompere gli indugi e il porcellino di ceramica per procurarmi un Amazon Kindle, come ho avuto giá modo di riportare nel post sull’ultimo libro della Mazzantini.

Dopo essere tornato dal recente mini-soggiorno londinese ho realizzato un’altra cosa, e cioé che in una settimana ho letto piú di quattro libri: Mare al mattino della Mazzantini, Alice’s adventures in Wonderland di Carroll, Everyman di Philip Roth, Animal’s Farm di George Orwell (ebbene sí, ammetto che mancava ancora al mio repertorio) e ho cominciato Seguendo l’Equatore di Mark Twain. Non si tratta di tomi mallopposi come Guerra e Pace, naturalmente, ma non posso non riconoscere i dovuti meriti di questo piccolo traguardo al mio nuovo lettore tascabile, che mi ha permesso di portare sempre con me un’intera libreria anche negli angusti spazi del bagaglio a mano consentito dalle compagnie aeree low-cost.

Tantissimi classici, inoltre, sono gratuiti: da Pirandello a Conan Doyle, recuperare i classici che non si sono mai letti é semplice e indolore per il conto in banca.

Non é mia intenzione pubblicizzare un eBook reader piuttosto che un altro (anche se molti elogiano la qualitá superiore del display del Kindle), bensí il concetto stesso della libreria in tasca. Non deve sorprendere, comunque, che alcuni titoli piú ricercati non siano disponibili in versione elettronica. Per quelli si deve continuare a far frusciare le pagine.

Leave a Reply

%d bloggers like this: